Prof. Pietro MORTINI

L’ipofisi o ghiandola pituitaria è una ghiandola endocrina situata alla base del cranio, nella fossa ipofisaria della sella turcica e secerne sostanze quali l’ormone della crescita, la prolattina e l’ormone adrenocorticotropo, che svolgono una serie di essenziali funzioni ormonali e metaboliche. Gli adenomi sono tumori dell’ipofisi, sono tumori epiteliali benigni che derivano dall’epitelio ghiandolare. Gli adenomi sono tumori abbastanza comuni, solitamente di natura benigna e a crescita lenta che possono però distruggere le cellule che producono gli ormoni o rilasciare a loro volta ormoni.
Altre tipologie di tumori che possono colpire quest’area (chiamata regione sellare e parasellare) includono i craniofaringiomi, i tumori delle cellule germinali e le cisti epidermoidi che sono tumori che hanno origine dalle cellule dello sviluppo , i meningiomi, tumori della membrane protettive del cervello; i gliomi, tumori che originano dalle cellule di supporto nel cervello, e tumori metastatici che originano in altre parti del corpo e che si diffondono poi al cervello.

Sintomi

Molti tumori dell’ipofisi possono mantenersi di dimensioni ridotte e quindi non manifestare alcun sintomo. Quando i sintomi si manifestano sono legati principalmente a due cause: cambiamenti ormonali indotti dal tumore e crescita del tumore. I tumori dell’ipofisi possono danneggiare la produzione fisiologica ormonale, causando la carenza di alcuni ormoni e sintomi che includono fatica, spossatezza, problemi della crescita e disfunzioni nei processi sessuali. I tumori che producono gli ormoni, noti come tumori funzionali, causano sintomi quando sono di dimensioni molto ridotte (meno di un cm). Un eccesso di ormoni può causare una larga gamma di effetti che dipendono dalla tipologia di ormoni, quali infertilità, crescita anomala, pressione sanguigna elevata, cambiamenti inusuali nell’aspetto della pelle o del corpo in generale e specifici disordini della crescita. Adenomi ipofisari di dimensioni maggiori (oltre 1 cm) in genere non sono attivi da un punto di vista ormonale. Questi adenomi non funzionali possono protrudere oltre la sella turcica e causare sintomi comprimendo le strutture anatomiche circostanti. Gli adenomi non funzionali possono causare emicrania, nausea, vomito e, quando comprimono il chiasmo ottico, deficit visivi.

Diagnosi

Come per la maggior parte dei tumori cerebrali, lo studio tramite bioimmagini è essenziale nella diagnosi dei tumori dell’ipofisi e parasellari. Le biommagini utilizzate per la diagnosi di queste patologie includono la risonanza magnetica e la tomografia computerizzata il cui utilizzo può essere potenziato tramite l’utilizzo di un mezzo di contrasto che evidenzia la massa tumorale in contrasto con i tessuti sani.

Trattamento

Il trattamento dei tumori ipofisarie dipende dalla loro attività ormonale e dal fatto che coinvolgano o meno i tessuti circostanti, Sia i tumori funzionali che quelli non funzionali possono essere trattati chirurgicamente a volte facendo seguire una terapia radiante. In aggiunta, la terapia farmacologica, ha mostrato in certi adenomi funzionali. A causa della loro posizione, può essere difficile rimuovere chirurgicamente questi tumori. Lo sviluppo della tecnica operatoria nota come ipofisectomia transfenoidale ha reso il trattamento chirurgico degli adenomi ipofisari più sicura e più efficace. In aggiunta, alcuni tumori ipofisari più piccoli, possono essere trattati in modo molto efficace con la chirurgia stereotattica.

 pituitary2